Multopoli. 17 milioni di multe cancellate a Roma. Ecco i nuovi sviluppi de Le Iene

197 indagati a multe cancellate a Roma per un totale di 17 milioni di euro. L’inchiesta de Le Iene sullo scandalo di multopoli prosegue.

Ieri sera in un servizio della trasmissione Mediaset sono stati presentati documenti inediti presentati a testimonianza di un meccanismo portato alla luce da una impiegata che ha denunciato stranezze nella gestione delle multe a Roma. Lei è Emma e nel 2011 aveva scoperto 65 scatoloni “dimenticati” e pieni di verbali mai riscossi.

Tra i documenti inediti presentati da Le Iene, Emma nota subito che sono intestati alla Legione Carabinieri Lazio che chiede l’annullamento delle contravvenzioni su veicoli usati per indagine giudiziaria dai Carabinieri. Tutte le sanzioni sono riconducibili a zone del centro storico e relative all’ingresso nella ZTL.

Ma come è possibile? Come spiega Emma, Carabinieri e Polizia hanno targhe depositate in white list, preventivamente. Non dovrebbero neppure ricevere quelle multe.

Ma allora a chi appartiene il veicolo? La verifica sulle targhe porta a capire che in realtà i veicoli indicati non appartengono ai Carabinieri ma a Società che operano nel centro di Roma, nel commercio o nella ristorazione. Attività che sono nella ZTL e che per accedervi dovrebbero pagare l’appposito tagliando.

Roberta Rei de Le Iene chiede informazioni ai titolari e agli esercenti delle attività che sembrano ignari del meccanismo, sembrano averne usufruito a propria insaputa.

Ma allora chi le ha tolte a loro insaputa? Chi si è preso questa libertà?

Ecco allora spuntare la figura di un certo “Nello” tra i racconti di alcuni dei commercianti, ai quali si sarebbero rivolti dopo aver ricevuto delle sanzioni.

Un altro fattore che salta agli occhi di Emma è la firma sulla richiesta di annullamento delle multe, che è sempre la stessa, quella di Maurizio Verciglio, Cavaliere della Repubblica italiana e Comandante della stazione dei Carabinieri di Roma Salaria, nella quale tra l’altro venne presentata in passato da un dirigente del Campidoglio una denuncia per diffamazione ad Emma.

Il faccia a faccia tra Roberta Rei e Verciglio non porta ulteriori sviluppi così come quello con il Sindaco Virginia Raggi a chiusura del servizio de Le Iene.

Quei 17 milioni di multe non pagate restano.