Mense scolastiche. Il Comune presenta il conto ai genitori nonostante la chiusura causata dal Covid

Il Codacons scende in campo a favore dei genitori di Roma che in questi giorni si sono visti recapitare bollettini con cui il Comune chiede il pagamento per il servizio mensa di scuole materne ed elementari, nonostante gli istituti siano rimasti chiusi a causa del Covid.

Abbiamo inviato oggi una diffida alla sindaca Virginia Raggi e all’amministrazione capitolina in cui si chiede di ridurre le tariffe per il servizio di refezione scolastica richieste alle famiglie – spiega il Codacons –. L’avvento della Dad e la chiusura delle scuole imposta dall’emergenza sanitaria ha di fatto annullato il servizio mensa per migliaia di bambini, una situazione che rende del tutto illegittima la richiesta di pagamento della tariffa piena da parte del Comune.

Chiediamo quindi all’Amministrazione e alla Sindaca Raggi di ricalcolare i bollettini inviati alle famiglie, prevedendo uno sconto sulle somme richieste: in caso contrario ci faremo promotori di una valanga di ricorsi da parte dei genitori per contrastare in tribunale le assurde richieste del Comune.