Maxxi. Le storie della performance

Nam June Paik

Secondo appuntamento al MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo per il nuovo ciclo di incontri Le storie della performance: una rassegna di cinque appuntamenti per raccontare gli artisti che, attraverso le loro azioni, hanno contribuito a creare nuovi linguaggi, hanno sfidato i limiti ed esplorato infiniti possibili legami tra generi diversi tra loro.

Sabato 29 febbraio alle 11.30 appuntamento nell’Auditorium del MAXXI per il secondo incontro, dal titolo Elettriche visioni. Da Nam June Paik a Matthew Barney (ingresso 5 €, abbonamento 4 incontri 15 €).

Alessandra Mammì accompagnerà il pubblico del MAXXI alla scoperta di tutti quegli artisti che hanno utilizzato il video come mezzo di creazione della performance.

Da quando la Sony produce nel 1960 la prima macchina portatile, infatti, alcuni artisti–pionieri impugnano la telecamera come un’arma per stravolgere l’immaginario visivo e farne un uso politico, intimista, narrativo e persino scultoreo che arriverà a modificare per sempre anche la scrittura visiva delle mostre e la percezione dello spettatore.