Laurentina. Rapina “goffa” all’ufficio postale. In manette un rapinatore… indeciso

Attimi di panico nell’ufficio postale di Piazzale G. Duhet, difronte alla fermata Metro Laurentina, dove un uomo di 44 anni, con precedenti, in maniera molto goffa ha tentato di compiere una rapina.

L’uomo, già noto alle forze dell’ordine per essere stato accusato più volte di furto in passato, è entrato nell’ufficio, si è lasciato misurare la temperatura, ha chiesto di un’impiegata di cui probabilmente aveva saputo il nome in precedenza e fino a qui sembrava un normale cliente. Ha atteso l’arrivo dell’impiegata e poi inspiegabilmente si è innervosito cominciando a urlare “Basta! Questa è una rapina!”.

A quel punto tutti i presenti hanno cominciato ad uscire mentre il rapinatore, ancora indeciso, ha cominciato a camminare avanti e indietro nell’ufficio, senza prendere una decisione, per diversi minuti. Nel frattempo alcune persone uscite dall’ufficio postale hanno dato l’allarme rivolgendosi ad una pattuglia di Carabinieri della Stazione Roma Cecchignola, in quel momento in transito, supportati anche dai Carabinieri della Stazione Roma Eur intervenuti dopo.

Anche la direttrice dell’ufficio postale, infatti, aveva nel frattempo chiamato al 112 segnalando una rapina in corso. I militari, con le dovute precauzioni, hanno fatto irruzione e hanno bloccato l’uomo che non ha opposto resistenza. Il rapinatore “indeciso” ha ottemperato a tutte le istruzioni disposte dai Carabinieri, lasciandosi ammanettare e ha anche comunicato loro di avere indosso un coltello da cucina (lama 25 cm) che è stato sequestrato ma che di fatto non aveva mai estratto. L’uomo è stato condotto in caserma in attesa di essere condotto, questa mattina, presso le aule di piazzale Clodio per la direttissima.