Il Mercato di Prati diventa green ma… Aspetta ancora risposte concrete dal Comune di Roma

Dal 27 novembre il Mercato del quartiere Prati è Green! E’ stata inaugurata ieri la macchinetta mangia plastica per lo smaltimento responsabile delle bottiglie in plastica Pet, al 100% riciclabili.

Per aiutare a rispettare l’ambiente e per chi ama il proprio quartiere, la consegna delle bottiglie darà la possibilità ai cittadini virtuosi di usufruire di buoni da usare dentro il mercato, con una carta magnetica si conteggeranno i punti, premiandoli con 1 euro di sconto ogni 100, per almeno 5 euro di spesa, un modo per sostenere anche lo storico mercato e i suoi commercianti.

La Presidente del Mercato di piazza dell’Unità, Anna Arrigoni, non si è lasciata sfuggire l’occasione per educare il quartiere alla mentalità del rispetto ecologico e per il rilancio dell’attività della vendita, da tempo ostacolata dalla situazione di stallo dei lavori di ristrutturazione promessi dal Comune, sollecitando alla Sindaca Virginia Raggi l’attuazione del progetto – attualmente fermo al Municipio – per la riqualificazione degli spazi interni e di tutta la struttura liberty, fulcro da quasi un secolo del rione Prati.

I cittadini del quartiere hanno potuto così lamentare alla Sindaca anche lo stato di abbandono e di tragico degrado in cui versa tutta la zona Prati, a cominciare dai cassonetti rotti e fatiscenti, mai sostituiti da Ama seppure ne esistano già di nuovi e solo in parte utilizzati, e alla raccolta differenziata presso i ristoranti e bar, mai continuativa, che crea disagio ai gestori che spesso sono costretti dopo giorni di attesa a utilizzare i cassonetti condominiali, con un peggioramento dal punto di vista igienico sanitario a causa del proliferare di infezioni causate dalla presenza di ratti e uccelli che spargono l’immondizia ovunque, senza che l’Amministrazione provveda alla derattizzazione periodica.

Grave anche la situazione degli alberi, mai potati da anni, cresciuti a dismisura con le fronde che ormai entrano nelle finestre dei palazzi e creano danni con le radici alle strade e marciapiedi ormai dissestati, mettendo in pericolo macchine e passanti con il rischio di precipitare al suolo per il loro peso, senza parlare dei marciapiedi pieni di buchi, da cui fuoriescono i topi continuamente e ai camminamenti divelti per i disabili,ormai inesistenti.

La macchinetta mangia plastica del mercato dell’unità potrà solo in parte contribuire al miglioramento del quartiere Prati, se non cambierà la concreta gestione del territorio da parte del comune di Roma.

Alessandra Bonaccorsi