Covid. Il Governo ipotizza “cabina di regia” con opposizioni. Centrodestra: “L’unica sede in cui discutere è il Parlamento”

Il Centrodestra unito, Silvio Berlusconi, Giorgia Meloni e Matteo Salvini. Foto tratta da un post di Giorgia Meloni

“Oggi il Governo ipotizza una ‘cabina di regia’ con le opposizioni. Il ravvedimento appare tardivo. Il Centrodestra è sempre stato a disposizione dell’Italia ma oggi più che mai l’unica sede nella quale discutere è il Parlamento della Repubblica italiana. Lì sono depositate le numerosissime proposte formalizzate da noi e ignorate dal Governo e lì verranno presentate le altre. Non siamo disponibili, invece, a partecipare a operazioni di Palazzo che sembrano dettate più che da una reale volontà di collaborazione dal tentativo di voler coinvolgere l’opposizione in responsabilità gravi che derivano dall’immobilismo e dalle scelte sbagliate effettuate dal Governo”. A dichiararlo in una nota congiunta che rimbalza sui giornali e sui social sono i leader dei tre partiti di Centrodestra, Giorgia Meloni (FdI), Matteo Salvini (Lega) e Silvio Berlusconi (FI).

“Fin dall’inizio della pandemia il Centrodestra, che è la prima forza politica della Nazione e governa la maggioranza delle Regioni, ha anteposto l’interesse dell’Italia all’interesse politico della propria coalizione. Per mesi abbiamo preparato proposte ed emendamenti ma atteso invano che il Governo ci convocasse in Parlamento, la sede istituzionale dove è giusto che avvenga il confronto tra maggioranza e opposizione. Ancora pochi giorni fa – ricordano -, ci è stata data notizia dell’ultimo Dpcm, soltanto poco tempo prima della sua comunicazione agli italiani. L’attuale situazione sanitaria sta precipitando anche a causa delle mancate decisioni – o delle decisioni rimandate – del governo: il Paese si è presentato impreparato alla seconda ondata della pandemia che pure era ampiamente prevista e prevedibile.