Crisi negozi. Negli ultimi 10 anni, 70.000 hanno chiuso i battenti

Botteghe e negozi di quartiere destinati oramai ad estinguersi se non saranno trovate misure per rilanciare i consumi delle famiglie. Lo afferma il Codacons, commentando gli allarmanti dati diffusi oggi da Confcommercio.

“La scomparsa di 70mila negozi equivale ad una strage per il settore del commercio, ed è causata sia dal crollo dei consumi da parte delle famiglie, sia dall’avvento dell’e-commerce, che hanno ridotto il giro d’affari dei piccoli esercenti condannandoli alla chiusura – spiega il Presidente di Codacons, Carlo Rienzi –. I profondi cambiamenti nelle abitudini degli italiani, così come la spesa ferma, rischiano di far estinguere proprio le botteghe e i piccoli negozi di quartiere, e se aumenterà l’Iva il processo subirà una accelerazione, perché le famiglie reagiranno all’aumento dei prezzi riducendo gli acquisti”.

“Per salvare il commercio è indispensabile adottare misure ad hoc, dalla liberalizzazione dei saldi alla creazione di occasioni di acquisto come il “Black Friday”, in modo da incentivare i consumi durante tutto l’anno e combattere ad armi pari la concorrenza dell’e-commerce”, conclude Rienzi.