La Raggi concede il bis e… Lo stop alla Euro 6 diventa polemica

Non si placano le polemiche sullo stop di Raggi alle auto diesel Euro 6. L’aumento delle polveri inquinanti è dovuto al cambiamento di clima, alla mancanza di precipitazioni e ad un dicembre caldo. Ma la soluzione non è lo stop alle auto diesel Euro 6; infatti, già eri non ha funzionato…

Si sono schierati schierano contro il Sindaco tre pezzi da novanta: il presidente dell’Aci, l’Unione petrolifera e Assogasliquidi. In particolare, secondo il presidente dell’Aci, Angelo Sticchi Damiani, i problemi sono altri: prima di tutto il fumo dei roghi tossici illegali dei rifiuti speciali e di rame nei campi rom ma, soprattutto, un parco autobus circolante vecchio che, comunque, è a diesel e, anche se viene bloccato in centro, è pari ad autentiche bombe ecologiche circolando nelle periferie.

Si aggiungono, poi, anche i mezzi dell’Ama, gli NCC, i taxi, che continuano le corse indisturbati pur essendo alimentati allo sesso modo. Bisognerebbe invece pensare ad aggiornare il parco circolante delle vecchie auto, dando però un contributo per l’auto ecologica, perché non tutti se la possono permettere; dovrebbero essere i Comuni, in accordo col Governo, a dare uno stimolo alle altre città metropolitane, cominciando però dalla Capitale.

E per lo stop protestano anche i presidi, in quanto si registrano anomalie negli orari di ingresso nelle scuole sia degli alunni ma anche degli impiegati e dei docenti, che hanno optato per i mezzi pubblici non proprio così efficienti.