Alitalia ha perso 800 milioni di euro in trenta mesi. Silvestroni (FdI): “Futuro incerto per i lavoratori”

La frenata di Alitalia è rallentata ma è continua. Lo ribadisce in una nota il capogruppo di Fratelli d’Italia in Commissione Trasporti, Marco Silvestroni, a seguito dell’audizione dei Commissari Straordinari di Alitalia avvenuta questa mattina.

“Nonostante lo sbandierato miglioramento dei conti la situazione di Alitalia continua a rimanere critica. Perde di meno, ma continua a perdere: con i commissari straordinari, in trenta mesi ha bruciato circa ottocento milioni di euro”, dichiara Silvestroni.

“Prendiamo atto del fatto che è una bugia continuare a chiamare Alitalia ‘compagnia di bandiera’ e considerarlo asset strategico per il turismo quando ormai gestisce poche rotte internazionali e, di quelle nazionali, solo poco più di un quinto. I governi, compreso quello rosso-giallo, continuano a varare prestiti-ponte che sappiamo bene non potranno essere restituiti e ricadranno sulle spalle dei cittadini con aumenti significativi delle imposte energetiche. Il futuro di Alitalia rimane incerto e confuso ed è di tutta evidenza invece che manca qualunque strategia a lungo termine. Ci chiediamo francamente quale coniglio dal cilindro pensi di tirar fuori il Ministro Patuanelli mentre i lavoratori di Alitalia e i portafogli degli italiani sono seriamente messi a rischio!”