Decreto terremoto. Trancassini (FdI): “Zingaretti ammette il fallimento suo e del Pd”

“E’ paradossale che, annunciando la svolta nella ricostruzione con il nuovo decreto terremoto, Zingaretti ammetta implicitamente il fallimento suo e dei due commissari targati Pd”. Lo dichiara Paolo Trancassini, deputato di Fratelli d’Italia.

“Zingaretti, novello smemorato di Collegno, non è forse lo stesso che accompagnava Errani e la De Micheli, che contestava Farabollini e che ha gestito gran parte della ricostruzione del centro Italia? Farsi forte del nuovo decreto sul sisma che prevede la proroga dello stato d’emergenza fino alla fine del 2020 e quindi anche dell’immenso sperpero di denaro pubblico in Cas ed alberghi è assurdo e lo è ancor di più pensare che le forze di governo non siano pronte ad annunciare la fine dell’emergenza ma che abbiano ancora bisogno di alibi per giustificare un drammatico fallimento. E’ vergognoso occuparsi della ricostruzione, peraltro superficialmente, solo nell’imminenza della campagna elettorale in Umbria. Per voltare pagina e dare un vero impulso alla ricostruzione sarebbe opportuno che chi se ne è occupato in modo fallimentare sino adesso smettesse di farlo”.