Arianna e Liliana, due romane che giocano a calcio a 5 a Milano

Un viaggio di 600 km separa Arianna Pomposelli e Liliana Nicoletta da casa. La loro passione per il futsal le ha portate a trasferirsi da Roma a Milano per giocare tra le All Blacks del Kick Off.

Arianna è un universale ed è tra i punti fermi della Nazionale italiana di calcio a 5; Liliana, invece, è un portiere, una delle promesse maggiori del nostro futsal in questo ruolo.

Stasera entrambe porteranno un po’ di romanità nella gara di Supercoppa contro il Salinis, in programma in Puglia. Con loro abbiamo parlato di emozioni, quelle vere, a metà strada tra il cuore e la maglia, tra la famiglia e il rettangolo di gioco.

Cosa significa per un’ atleta e, quindi, cosa significa per te giocare lontano da casa?

ARIANNA: “Giocare lontano da casa è sicuramente un’esperienza di vita importante. Quando scegli di cambiare città, andare lontano dalla famiglia dalla tua vita di sempre, lo fai con coraggio. Penso sia un motivo di crescita come atleta e come persona”

LILIANA: “Mi sono allontanata molto da casa e la differenza, rispetto a quando difendevo la porta in una squadra della Capitale, si sente. La famiglia ti aiuta, ti sostiene ed è in grado di farti ricaricare le batterie in un lampo. Per fortuna il Kick Off è una grande famiglia , ci sono molti momenti per stare insieme al di fuori del campo e questo fa creare un legame speciale”

Quando sei a Milano, mentre ti alleni o mentre giochi, senti mai la mancanza della tua, famiglia, degli amici, di tutte le persone che hai vicino quando sei a casa?

ARIANNA: “Ovviamente stare lontano dalla famiglia non è facile ma ho un obiettivo grande e, quindi, impegno tutte le energie in questo, consapevole che la mia famiglia è sempre con me, anche se in un’altra città. Le persone che ti amano trovano sempre il modo di sostenerti e di starti vicino anche a distanza. E la mia famiglia è speciale in questo”

LILIANA: “Casa è casa, penso sia impossibile da sostituire; penso sempre a loro che sono il mio stimolo a migliorare e fare sempre meglio”

Cosa speri per questa stagione, cosa ti auguri per il campionato con la maglia del Kick Off?

ARIANNA: “Spero che sarà un grande campionato che riusciremo a conquistare tutti gli obiettivi che ci siamo prefissati ma soprattutto quello che ci auguro è di crescere perché è sempre la cosa più importante”

LILIANA: “Mi aspetto il meglio! Ora dobbiamo pensare alla Puglia e alla Supercoppa ma questo è solo l’inizio; il campionato è appena cominciato, tutte le squadre sono agguerrite e pronte a dire la loro. Noi dobbiamo rimanere concentrate, la sconfitta di domenica scorsa ci servirà e sarà una lezione per poter fare meglio e rendere la squadra più competitiva per gli appuntamenti futuri”.

Marco Ottaviani