Alcol alla guida. Ancora troppi i romani bloccati dall’etilometro

Dal centro alla periferia, le principali arterie della Capitale e le vie del centro storico, sono state teatro dei mirati controlli alla circolazione stradale per prevenire gli incidenti, a volte anche mortali, molto spesso causati dall’abuso di alcol o dall’uso di droghe prima di mettersi al volante.

Diversi gli automobilisti “pizzicati” ubriachi alla guida delle loro automobili ma che a nulla sono servite.

In via Casilina una 28enne italiana è stata controllata ed è risultata positiva all’accertamento con etilometro, con un tasso pari a 1,77 gr/l. Per lei è scattato il ritiro della patente.

In piazza del Risorgimento sono stati “pizzicati” due uomini di 33 e 43 anni, che all’accertamento con etilometro sono risultati positivi rispettivamente con un tasso pari a 0,87 e 1,15 gr/l. Anche per loro è scattato il ritiro immediato della patente di guida.

I Carabinieri della Stazione Quirinale nel corso di un posto di controllo in via Nazionale hanno pizzicato un romano 19enne, alla guida della propria autovettura positivo al test con un tasso del 1,01 gr/l.

In via Meda, è stato fermato un romano di 31 anni, positivo per il reato di guida in stato di ebbrezza. E’ risultato positivo al test “alcolblow” ma si è rifiutato poi di sottoporsi al test con etilometro. Per lui è scattato, comunque, il ritiro della patente con relativa contravvenzione mentre l’auto è stata affidata alla madre, proprietaria del mezzo.

Infine in via Salaria, i Carabinieri della Stazione Viale Libia hanno pizzicato un romano di 54 anni, alla guida del proprio fuori strada, e risultato positivo al test dell’etilometro con un tasso 1,35 gr/l. Anche per lui è scattato il ritiro della patente.